1 - Meno è meglio - Riduzione

Il percorso pone l’accento sull’importanza dei comportamenti virtuosi individuali e collettivi a scuola o in famiglia per ridurre la produzione dei rifiuti. Le attività proposte partiranno dall’analisi della grande quantità di rifiuti prodotti e dalle possibili pratiche quotidiane per ridurre queste quantità attraverso un cambio degli stili di vita e una maggiore consapevolezza fin dal momento dell’acquisto. I ragazzi verranno coinvolti nell’osservazione degli acquisti effettuati nel loro ambito familiare o nella classe e nell’individuazione di possibili azioni di cambiamento, monitorando i risultati di riduzione dei rifiuti alla fine del percorso. Potranno essere effettuate anche visite al supermercato per educare a una spesa a basso impatto ambientale.

Obiettivo specifico: far conoscere e riflettere sulla prima azione nel sistema delle 4 R- la riduzione, illustrando le buone pratiche per un consumo consapevole e indirizzando i ragazzi verso la salvaguardia delle risorse naturali.

 2 - Da cosa rinasce cosa – Riduzione, Riciclo

Il percorso servirà a far conoscere la filiera del Riciclo, una delle 4R della gerarchia della gestione dei rifiuti, partendo dall’osservazione di cosa avviene in natura, dove grazie al ciclo produttori -consumatori-decompositori non vengono prodotti rifiuti ma avviene una trasformazione della materia. La nostra società ha invece bisogno di attività industriali per garantire il riciclo dei materiali e il percorso servirà a far conoscere queste attività, attraverso, se richiesto, anche una visita ad un impianto di selezione e/o compostaggio ed eventualmente di valorizzazione dei materiali. Durante il percorso si potrà anche lavorare alla identificazione di una azione, da condurre a scuola o in famiglia, che possa contribuire a favorire il riciclo dei rifiuti e in particolare dei rifiuti organici, come ad esempio il compost.

Obiettivo specifico: far conoscere e riflettere sulla terza azione nel sistema delle 4 R- il riciclo - e le destinazioni dei diversi rifiuti e materiali dopo la raccolta. Responsabilizzare attivamente e concretamente i ragazzi sul loro ruolo ecologico a scuola e nelle abitazioni.

3 - RAEE e RUP... impariamo a conoscerli - Riciclo

Il percorso vuole far conoscere le modalità di raccolta e smaltimento dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) e dei rifiuti urbani pericolosi (RUP). Centri di raccolta, stazioni ecologiche itineranti e servizi specifici permettono di disfarsene in maniera corretta: se mal gestiti questi rifiuti sono molto inquinanti e pericolosi per l’ambiente. Durante gli incontri si analizzerà anche il loro ciclo di vita ed il funzionamento degli impianti di recupero.

Obiettivo specifico: far conoscere e riflettere sula quarta azione nel sistema della gerarchia delle 4 R cioè il recupero di materia ed energia, con approfondimenti circa le attività cui sono destinati i rifiuti dopo la raccolta. Responsabilizzare attivamente e concretamente i ragazzi sul loro ruolo ecologico a scuola e nelle abitazioni.

4 - Agenda 2030: gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 

L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile è un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità sottoscritto dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU. Essa ingloba 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile – SDGs – in un grande programma d’azione per un totale di 169 ‘target’ o traguardi che i Paesi si sono impegnati a raggiungere entro il 2030. Questo programma rappresenta una buona base comune da cui partire per costruire un mondo diverso e dare a tutti la possibilità di vivere in un mondo sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale, economico.

Obiettivo specifico: offrire una visione d’insieme della sostenibilità e dell’Agenda 2030 e approfondire in maniera trasversale i 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile avvicinando gli studenti ai concetti di sostenibilità. Tutto ciò è di fondamentale importanza: essendo tutti noi parte del cambiamento, ne siamo tutti responsabili. Le nostre azioni di oggi influenzeranno il pianeta delle generazioni future.