Tari: scade oggi, ma il Comune garantisce "nessuna mora per chi paga nei giorni successivi"

Arezzo

Arezzo, 6 giugno 2014 - Sono stati spediti da parte del gestore, Sei Toscana srl, gli inviti di pagamento relativi alla Tari, la tassa sui rifiuti. Attenzione, le rate da pagare sono due, una relativa al primo quadrimestre e una al secondo, così come due saranno i modelli F24 per i relativi versamenti che i contribuenti riceveranno insieme al’invito di pagamento. La prima rata è in scadenza oggi, 6 giugno e la seconda il 31 luglio. Si raccomanda di conservare il modello F24 relativo alla seconda rata.

Si ricorda che il pagamento mediante F24 può essere effettuato presso qualsiasi istituto di credito e ufficio postale. Possibile anche effettuarlo on line.

Poiché risulta che in alcune zone i bolettini sono stati recapitati dal servizio postale nell’imminenza della scadenza, anche al fine di evitare disagi ai contribuenti che si troverebbero costretti a effettuare versamenti entro termini strettissimi, l’amministrazione comunale comunica che il relativo pagamento potrà essere effettuato anche nei giorni successivi alla scadenza senza l’applicazione di alcuna sanzione o interesse.

LA TASSA Gli inviti di pagamento in acconto sono calcolati ciascuno in relazione ad un terzo dell’importo dovuto da ciascun contribuente del servizio di igiene ambientale a titolo di tributo comunale sui rifiuti e sui servizi per l’anno 2013 (la vecchia Tares in sostanza). Ma molti cittadini protestano perchè ad un giorno dalla scadenza della prima rata dell’acconto non hanno ancora ricevuto dal gestore dei rifiuti il relativo bollettino.
Il peso della tassa non è da poco: il Comune stima di incassare 17 milioni e spiccioli. I contribuenti che non avessero ricevuto la bolletta Tari per informazioni e chiarimenti possono rivolgersi agli uffici di Sei Toscana in via Trento Trieste. Sul piede di guerra anche i pensionati.

Potrebbe interessarti