Proseguono gli incontri fra i cittadini e SEI Toscana. Ad Arezzo e Pitigliano tante persone a colloquio con il gestore

Proseguono gli incontri fra i cittadini e SEI Toscana. Ad Arezzo e Pitigliano tante persone a colloquio con il gestore

Grande partecipazione di pubblico agli incontri promossi sul territorio da SEI Toscana. Ad Arezzo si è concluso il ciclo di incontri pubblici sull’estensione del porta a porta organizzati dal gestore e dall’amministrazione comunale di palazzo Cavallo. Dieci appuntamenti in cui il gestore unico dei rifiuti delle province di Arezzo, Grosseto e Siena- insieme all’amministrazione comunale- ha illustrato ai cittadini le nuove modalità del servizio di raccolta domiciliare e ha risposto alle domande delle tante persone presenti con interesse e curiosità alle riunioni. Quasi mille le persone che hanno partecipato agli incontri nelle diverse frazioni del capoluogo aretino, in uno scambio proficuo di idee e impressioni che permetteranno agli utenti di iniziare il nuovo servizio di raccolta con una coscienza più piena delle nuove modalità di conferimento dei propri rifiuti. Anche a Pitigliano, in provincia di Grosseto, ha riscosso particolare successo l’incontro promosso dall’amministrazione comunale in stretta collaborazione SEI Toscana. Al Teatro Salvini, i cittadini del comune del Tufo hanno avuto modo di confrontarsi direttamente con i tecnici di SEI Toscana, chiedendo informazioni sui servizi attivi sul territorio e segnalando eventuali problematicità nel servizio. All’incontro, cui hanno partecipato anche il sindaco di Pitigliano, Pier Luigi Camilli, e l’assessore all’ambiente, Ugo Biagi, sono state illustrate le corrette modalità di conferimento dei rifiuti ed è stato tracciato un primo bilancio del sistema di raccolta porta a porta a due anni dalla sua attivazione. L’incontro si inserisce nella cornice delle attività di sensibilizzazione ed informazione fortemente volute dall’amministrazione con l’obiettivo di incrementare le raccolte differenziate e di correggere i comportamenti scorretti nella gestione dei rifiuti.