Siena: nei primi 6 mesi dell’anno, raccolti quasi 150mila kg di Raee. Fabbrini: “Buon risultato, ma occorre fare di più. La sinergia con le istituzioni cittadine fondamentale per raggiungere gli obiettivi”

Il presidente di Sei Toscana fa il punto sulle attività introdotte in città per promuovere la raccolta differenziata

Siena: nei primi 6 mesi dell’anno, raccolti quasi 150mila kg di Raee. Fabbrini: “Buon risultato, ma occorre fare di più. La sinergia con le istituzioni cittadine fondamentale per raggiungere gli obiettivi”
Siena

Nel primo semestre dell’anno, da gennaio a giugno, a Siena, sono stati raccolti quasi 150mila kg di RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). Di questi, circa un terzo sono costituiti da lavatrici, lavastoviglie e asciugatrici (codice R2, poco meno di 50 tonnellate in totale), mentre computer, apparecchi informatici, telefoni e apparecchi di illuminazione (codice R4) e frigoriferi e condizionatori (codice R1), registrano rispettivamente, circa 30 e 28 tonnellate raccolte nei primi sei mesi del 2021.

“È un buon risultato, ma occorre fare di più – commenta il presidente di Sei Toscana, Alessandro Fabbrini –. La sinergia con le istituzioni cittadine è fondamentale per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati. Per questo, nel corso degli anni, nel territorio servito e qui a Siena in particolare, abbiamo promosso diversi progetti. Non ultimo, quello della raccolta dei piccoli Raee in collaborazione con il Comune e l’Università che è partito proprio in questi giorni. Affiancare le amministrazioni comunali nelle attività di comunicazione al cittadino, ricercare e promuovere sinergie anche con soggetti terzi, lavorare per il raggiungimento di un obiettivo condiviso è da sempre quello che Sei Toscana intende fare”.

L’impegno di Sei Toscana in attività di sensibilizzazione si è concentrato negli ultimi anni proprio sul tema della raccolta dei piccoli Raee. È stato inserito un modulo dedicato nel progetto di educazione ambientale Ri-Creazione, proponendolo a tutte le classi iscritte che, solo a Siena, negli ultimi due anni, ha registrato la partecipazione di quasi 600 ragazzi. Mentre, per gli studenti delle superiori, è stato avviato il progetto “Raee un mondo di risorse da non sprecare”, che ha visto premiati i ragazzi degli istituti Bandini e Sarrocchi.

“La proposta di coinvolgere anche l’Università di Siena ha rappresentato la naturale evoluzione di questi progetti – prosegue Fabbrini – ed è nata in seno alla proficua attività di collaborazione che da moltissimi anni Sei Toscana porta avanti con l’Ateneo per sensibilizzare gli studenti sui temi dell’ambiente e della raccolta differenziata”.

Ai Raee, sono dedicate anche la campagna di comunicazione #dovelobutto e 6News, il telegiornale ambientale di Sei Toscana. Inoltre, la società ha partecipato, grazie a tre video realizzati dai propri operatori, alla campagna nazionale #LoveRaeeCircle promossa dal CdC Raee (l’organismo centrale che si occupa di ottimizzare la raccolta, il ritiro e la gestione dei Raee in Italia).

Potrebbe interessarti