Comune di San Giovanni e Sei Toscana insieme per una differenziata di qualità

Al via la riorganizzazione del sistema di raccolta con i nuovi cassonetti “intelligenti” ad accesso controllato

Comune di San Giovanni e Sei Toscana insieme per una differenziata di qualità
San Giovanni Valdarno

L’Amministrazione comunale di San Giovanni Valdarno, in collaborazione con Sei Toscana, dà avvio a una importante riorganizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti. Il porta a porta verrà sostituito dalla raccolta con contenitori ad accesso controllato, che saranno posizionati su tutto il territorio comunale.

Il primo step di attivazione interesserà i quartieri di Oltrarno, Porcellino e Ponte alle forche (adesso serviti con il porta a porta) e proseguirà poi nel corso dei prossimi mesi con il completamento di tutto il territorio comunale. L’obiettivo della riorganizzazione è quello di aumentare la percentuale di raccolta differenziata, assicurando così una migliore gestione dei rifiuti finalizzata al recupero dei materiali. Inoltre, l’installazione dei nuovi contenitori ad accesso controllato permetterà un miglior monitoraggio dei comportamenti degli utenti, scoraggiando i conferimenti impropri da parte di utenze non abilitate all’utilizzo.

“Finalmente riprende avvio e si completa la riorganizzazione del sistema della raccolta dei rifiuti a San Giovanni Valdarno – dichiara Valentina Vadi, sindaco di San Giovanni Valdarno –. Si tratta di un progetto importante per questa amministrazione, che ha lo scopo di diffondere, sempre più, una coscienza e una consapevolezza ecologica nella cittadinanza e aumentare, nel nostro Comune, la percentuale di raccolta differenziata. Questa riorganizzazione procederà in un primo momento, entro la fine dell’anno, alla omogeneizzazione del sistema della raccolta su tutto il territorio comunale, mentre nel 2021 saranno messe in atto azioni volte alla valorizzazione e alla premialità dei cittadini che differenziano e alla sanzione nei riguardi di quanti non procedono ad una corretta raccolta oppure, cosa ben peggiore, abbandonano i rifiuti. In questi mesi che ci separano dalla fine del 2020 saranno tre le operazioni che saranno poste in essere: sarà estesa la raccolta con contenitori ad accesso controllato nei quartieri Oltrarno e Ponte alle Forche Porcellino senza prevedere la calotta nel cassonetto dell’indifferenziato; saranno sostituite le calotte nei cassonetti dell’indifferenziato ad accesso controllato già presenti nel territorio comunale; si procederà, infine, alla sostituzione dei cassonetti Easy con cassonetti nuovi ad accesso controllato. Abbiamo deciso di sostituire la calotta nel cassonetto dell’indifferenziato per alcune motivazioni: in questo anno, dai controlli effettuati, abbiamo compreso che spesso i cittadini tendono a riversare in altri cassonetti (Umido e carta, soprattutto) il materiale indifferenziato perché la calotta non consente lo smaltimento di grandi quantità di rifiuti. Questo determina una ‘contaminazione’ del rifiuto differenziato che non può essere riutilizzato e recuperato. Sono, pertanto, necessarie, a nostro avviso, azioni che favoriscano, in prima istanza, la differenziazione dei rifiuti e solo come segmento finale di questo processo procedano alla riduzione obbligata del conferimento nell’indifferenziato. Ad un sistema che punisce chi non differenzia, abbiamo preferito un sistema che premia chi sa differenziare in maniera corretta. Dal prossimo anno, infatti, quando sarà completata l’operazione di omogenea distribuzione dei cassonetti ad accesso controllato in tutto il territorio comunale, sarà potenziata l’isola ecologica che consentirà – come sta accadendo in altri Comuni della provincia di Arezzo, Sansepolcro per esempio – di individuare forme di premialità per quei cittadini che differenzieranno i loro rifiuti in questo luogo. Contemporaneamente, saranno allestite, entro la fine del 2021, le foto trappole che permetteranno di individuare e sanzionare quanti abbandonano i rifiuti. Entro un tempo congruo, dopo la fine del 2020, sarà effettuata anche la chiusura dei cassonetti ad accesso controllato per cui i cittadini potranno smaltire i rifiuti soltanto attraverso l’utilizzo della Sei Card e soltanto nella batteria di cassonetti a loro assegnata. Sempre nel 2021 sarà introdotto, anche nel nostro Comune, l’accesso al Kit Amianto che consentirà alla cittadinanza di smaltire in sicurezza questo materiale pericoloso e altamente inquinante. Si tratta di un cambiamento importante per il nostro Comune che andrà a regime nei prossimi due anni e per il quale abbiamo bisogno della collaborazione di tutti i cittadini, del loro impegno concreto perché l’obiettivo da raggiungere è fondamentale: aumentare le percentuali di raccolta differenziata e tenere pulita e decorosa la nostra città. Sarà messa in campo anche una azione di natura educativa molto significativa perché si diffonda sempre più una consapevolezza di tutela ambientale ed una conoscenza corretta della differenziazione dei rifiuti, a partire dai bambini e dai giovani: oltre agli incontri informativi e formativi con i cittadini e la consegna di materiale cartaceo, saranno potenziati gli interventi nelle scuole e sarà strutturata una collaborazione con il Progetto dei Cittadini attivi – Angeli del Bello di San Giovanni Valdarno – che ringrazio per la disponibilità e l’entusiasmo mostrato – che  coadiuveranno l’Amministrazione Comunale e Sei Toscana nella realizzazione di questo progetto”.

Le postazioni saranno complete delle quattro principali tipologie di contenitori di raccolta (organico, carta, multimateriale, indifferenziato) per agevolare il corretto conferimento e differenziazione del rifiuto da parte degli utenti. Inoltre, tutti i nuovi contenitori saranno dotati di sistemi informatizzati che consentiranno di associare nel prossimo futuro ogni conferimento alla singola utenza tramite la 6Card, la eco-tessera in distribuzione in questi giorni per posta a casa di tutta la cittadinanza coinvolta nella riorganizzazione. In arrivo nei prossimi giorni anche la guida alla raccolta e tutte le istruzioni sull’utilizzo della 6card e le indicazioni per la partecipazione agli incontri pubblici.

“Il nuovo modello di raccolta – spiega Leonardo Masi, presidente di Sei Toscana –, già sperimentato con successo in molte altre realtà del territorio servito da Sei Toscana, coniugherà libertà negli orari e nelle frequenze di conferimento da parte dei cittadini con significativi miglioramenti delle percentuali di differenziata. Siamo felici di collaborare con l’Amministrazione per raggiungere l’obiettivo comune di salvaguardare il decoro del territorio e dell’ambiente, incentivando i comportamenti dei cittadini virtuosi nella convinzione che con un piccolo sforzo quotidiano e con l’impegno di tutti, possiamo arrivare a un reale miglioramento della raccolta differenziata”.

Per illustrare le novità in arrivo, l’Amministrazione comunale, insieme ai tecnici di Sei Toscana, ha programmato alcuni incontri pubblici il 24 settembre e il primo ottobre. Vista l’emergenza Covid, per partecipare agli incontri occorre prenotarsi (a partire dal 14 settembre) inviando la propria richiesta telefonando al numero 0559126259 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 14) oppure inviando una mail all’indirizzo raccolta.rifiuti@comunesgv.it o su piattaforma Eventbrite all’indirizzo https://ComuneSGV.eventbrite.it. Per il rispetto della normativa sul distanziamento saranno ammesse massimo 60 persone per ciascun incontro che avrà la durata di massimo un’ora.

Potrebbe interessarti