Guardie ambientali, regolamento approvato e firma dell'accordo

Grosseto

Il consiglio comunale di Grosseto ha approvato lunedì il Regolamento di servizio delle Guardie ambientali volontarie (Gav), figure che presto saranno al lavoro per controllare il territorio, prevenire e sanzionare casi di degrado ambientale e abbandono dei rifiuti e che ieri hanno firmato l'accordo con il Comune. Particolare attenzione, oltre ai centri abitati, sarà data alle pinete, ai parchi, alle riserve naturali, alle aree naturali protette e ai territori sottoposti a vincolo paesaggistico, che richiedono maggiori sforzi per essere controllati vista l'ampiezza degli spazi e i frequenti casi di violazione alle norme e regolamenti regionali in materia di ambiente. «Le Gav rappresentano una nuova unità a servizio della città - dice il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna - Portiamo a termine così un nuovo importante obiettivo che andrà a rafforzare la presenza sul territorio di questa amministrazione comunale». Prevista anche attività di prevenzione e di formazione da organizzare assieme alle scuole, per i bambini.«Le Gav vanno a rafforzare i servizi garantiti dal Comune di Grosseto in termini di vigilanza del territorio - continua l'assessore alla sicurezza e alla Polizia municipale Fausto Turbanti - permetteranno di avere personale dedicato a questa mission, formato e nelle condizioni di comminare sanzioni. Anche l'attività potrà essere organizzata sulla base delle esigenze e delle zone da controllare, andando a verificare di persona i casi segnalati dalla polizia municipale, dalle forze dell'ordine e anche dai cittadini, dando così risposte immediate al territorio». L'inizio del servizio è previsto entro qualche settimana. Le guardie ambientali volontarie sono selezionate dagli elenchi regionali di coloro che hanno fatto formazione. 

Potrebbe interessarti