Rifiuti abbandonati, ecco le multe Così le fototrappole per i ‘furbetti’

Sansepolcro

PRIME VITTIME delle fototrappole per i rifiuti appena posizionate a Sansepolcro. Pur non essendo ancora entrate a regime, queste strumentazioni hanno già permesso di accertare casi di abbandono dei rifiuti in prossimità di alcune postazioni di raccolta. Nel primo mese di applicazione, il progetto è ancora in fase di attuazione e a oggi soltanto una parte delle fototrappole è stata installata: nei prossimi giorni, le postazioni controllate aumenteranno e in tutto il territorio comunale vi saranno più ispettori ambientali a controllare. «Sono misure – ha commentato l’assessore ai beni comuni, Gabriele Marconcini – che ci permetteranno di effettuare un efficace controllo del territorio, al fine di ridurre l’abbandono dei rifiuti, che purtroppo ricadono inesorabilmente sull’ambiente e sull’intera comunità. Per ora siamo soddisfatti – ha proseguito Marconcini – perché le apparecchiature installate hanno già permesso di individuare alcuni trasgressori che, subito dopo il riconoscimento, sono stati sanzionati dalla polizia municipale. Auspichiamo che le multe emesse possano contribuire, assieme alla campagna di sensibilizzazione che stiamo portando avanti, a promuovere comportamenti più rispettosi nei confronti dell’ambiente». L’attuazione del progetto avverrà nel corso delle prossime settimane, con l’installazione di altre postazioni e di altri strumenti di controllo che peraltro, nonostante le segnalazioni previste dalle attuali disposizioni di legge, potrebbero essere non marcatamente visibili come quelle posizionate fino ad oggi. «Ancora una volta – ha concluso l’assessore Marconcini – ricordiamo che, oltre alla possibilità di servirsi dell’isola ecologica, per i rifiuti ingombranti c’è un apposito servizio che il gestore, così come da contratto, è tenuto ad effettuare gratuitamente nei pressi del domicilio. Questo servizio può essere richiesto contattando il numero verde 800127484.»

Potrebbe interessarti