Il ‘furbetto’ dei rifiuti inchiodato dal sindaco

Abbandona diversi sacchi neri pieni di rifiuti ma lascia al loro interno alcune «tracce». Sindaco e assessore si presentano a casa del responsabile. Il singolare episodio è successo a Capolona, un territorio sempre attento all’ambiente e alla sua tutela. Sacchi di plastica lasciati per strada, materiali ingombranti, purtroppo anche nella vallata sono sempre di più le persone che abbandonano i rifiuti «scomodi» trasformando i borghi antichi in vere e proprie discariche a cielo aperto. Proprio per questo l’amministrazione, nonostante il periodo estivo, ha deciso di salvaguardare il territorio intensificando i controlli per scovare i «furbetti»dei rifiuti. Spesso infatti chi lascia l’immondizia sul ciglio della strada o in mezzo ai boschi, non pensa alle tante ricadute sull’ambiente del gesto che sta compiendo con il responsabile che non viene quasi mai identificato ne tantomeno punito. Fortunatamente però nel Comune del basso Casentino l’uomo che ha lasciato i sacchi fuori dai cassonetti, è stato invece trovato grazie ad una segnalazione. «Ci è arrivata la segnalazione di questo abbandono ed insieme al sindaco Mario Francesconi ci siamo recati sul posto per vedere con i nostri occhi di cosa si trattava – spiega l’assessore Daniele Pasqui – abbiamo così trovato diversi sacchi neri a terra pieni di immondizia e frugando al loro interno abbiamo trovato il nominativo di un cittadino di Capolona. Sono così stati subito allertati i vigili che hanno provveduto a fare le foto e poi insieme al sindaco siamo andati dal responsabile». L’uomo, ignaro del ritrovamento dei rifiuti, si è così visto arrivare a casa assessore e primo cittadino che gli hanno intimato di ripulire la postazione per evitare sanzioni più pesanti. «Il signore quando ci ha visto arrivare è rimasto abbastanza male – conclude Pasqui – lo abbiamo quindi costretto a tornare indietro e ripulire quello che aveva lasciato sulla strada. Lui allora ha preso il furgone, ha caricato tutto e si è scusato per quello che aveva fatto evitando un verbale più pesante. Come amministrazione continuiamo ad avere un’attenzione particolare per questo fenomeno purtroppo in aumento soprattutto nel periodo estivo. Sono state anche inserite tre telecamere in posti in cui si verificano abbandoni. È nostro dovere monitorare il territorio e salvaguardarlo da gesti così incivili e da possibili danni ambientali».

Close Logout Cerca Facebook Instagram You Tube Twitter X Linkedin