Abbandono dei rifiuti Multe fino a 500 euro

Montevarchi

Il deterrente contro l’abbandono dell’immondizia a Montevarchi saranno anche i ritocchi in alto delle multe che si apprestano a subire un incremento sostanzioso degli importi. La giunta guidata dal sindaco Silvia Chiassai Martini infatti proporrà al Consiglio comunale una modifica al regolamento per la gestione dei rifiuti e per l’igiene ambientale prevedendo un inasprimento delle contravvenzioni. Già lievitate nel 2018 fino a un massimo di 300 euro, ora le sanzioni potranno partire da un minimo di 100 per salire anche a 500 euro. E’ la nuova mossa degli amministratori che, fin dal loro insediamento, hanno lanciato un’offensiva nei confronti dei «furbetti» del cassonetto: prima attraverso una campagna di informazione sulle buone pratiche del vivere civile e poi ampliando la rete di videosorveglianza nelle zone sensibili della città che hanno più volte immortalato chi imbratta. Sino ad arrivare all’ulteriore giro di vite. Rischia il «salasso» chi deposita la nettezza a terra, introduce nei contenitori residui liquidi o semiliquidi, conferisce gli scarti, che siano sacchetti neri o di ingombranti e apparecchiature elettroniche, senza rispettare le norme. Dovrà mettere mano al portafogli pure chi sarà pizzicato a depositare sacchi nei cestini a lato delle strade e a insudiciare i pozzetti, le caditoie, le fontane e similari. Non solo, perché potrà incorrere nella maxi multa, ad esempio, chi non pulisce le aree pubbliche occupate da cantieri, spettacoli viaggianti e mercati o viene sorpreso a imbrattare fabbricati o strutture della comunità e chi «dimentica» di rimuovere da vie e marciapiedi arredi rotti o inutilizzati. Tra le proposte figurano inoltre elementi di premialità, come la possibilità per il Comune di realizzare forme di incentivi economici. 

Potrebbe interessarti