Fortezze, la meraviglia perduta Intorno è una discarica di wc

Monte Argentario

Tantissimi rifiuti vicino alle fortezze storiche di Porto Ercole, dove si incontrano i panorami mozzafiato e le bellezze dell`Argentario. Sanitari, scaldabagni, copertoni e ogni tipo di materiale: ogni spedizione del gruppo di cittadini portercolesi, capitanati da Giovanni Lucignani che documenta il tutto sulla pagina Facebook Educazione Ambientale Porto Ercole, porta alla luce nuovo materiale gettato da qualche maleducato nella macchia. I volontari– che quasi quotidianamente (o comunque ogni weekend) danno il loro contributo alla pulizia del bosco nei dintorni di Porto Ercole – sono sempre di più e spesso trovano un gran quantitativo di materiale che viene poi portato via anche grazie all`ausilio di un camion e degli operai che forni- sce il Comune. Le ultime "scorribande" hanno purtroppo portato alla luce tantissima spazzatura, specialmente nella zona di Forte Stella, dove si può vedere uno dei panorami più belli di Porto Ercole. «Abbiamo tolto vari copertoni, diversi scaldabagni, fusti di ferro, plastica e vetro di tutte le forme e misure – racconta Giovanni Lucignani – e un bel po` di sanitari e lavelli in ceramica, è veramente uno schifo». Si tratta però soltanto dell`ultima uscita del gruppo avvenuta alcuni giorni fa. L`ultima delle tante in cui il materiale rimosso dalla macchia era ai limiti del possibile. Nei giorni precedenti i volontari hanno invece raggiunto il piazzale del Forte Rocca, in quel caso togliendo sei sacchi colmi di plastica, vetro e anche molto catrame per l`impermeabilizza- zione. Oltre a pezzi di reti metalliche e ferraglia sparsa. Altro punto di interesse toccato dai cittadini portercolesi è stato nella macchia che si trova nei pressi del Pellicano. Nel bosco erano presenti in quel caso una bombola del gas e un televisore, mentre sono stati riempiti nove sacchi di multimateriale. «Faremo le prossime uscite ancora a Forte Stella – annuncia Lucignani – La pulizia era prevista per sabato ma il maltempo non ci ha consentito di effettuarla, quindi l`abbiamo dovuta spostare. Purtroppo c`è ancora tantissimo materiale da togliere. Siamo un gruppo di volontari che si impegna a pulire e mantenere pulita la natura che ci circonda e l`area di Porto Ercole. Non ci sono gerarchie, ci organizziamo ogni settimana dandoci appuntamento nel luogo da pulire». L`obiettivo è anche quello di allargare la comunità e sensibilizzare più gente possibile non solo a partecipare alle pulizie, ma a salvaguardare il territorio evitando di disperdere nell`ambiente i propri rifiuti. «Puntiamo ovviamente a educare – prosegue Lucignani – Sulla pagina Facebook pubblicheremo le varie iniziative e i resoconti di cosa recuperiamo. E puntiamo anche a catturare più persone possibile per partecipare alle pulizie. Ci stiamo già ampliando e al momento siamo già una ventina. Abbiamo già fatto molto e recuperato dalla macchia materiali di ogni tipo, poi ci sarà da pensare anche agli stradelli e agli accessi al mare». 

Potrebbe interessarti