Ecco i cassonetti hi-tech con il sistema Zucchetti

Montevarchi

Nuovi cassonetti per il conferimento dei rifiuti in arrivo sull’intero territorio di Montevarchi. Il gestore del servizio, Sei Toscana, nei prossimi mesi provvederà alla sostituzione delle attuali postazioni in favore di nuove calotte collegate in rete con un nuovo sistema informatizzato sviluppato dall’azienda Zucchetti Centro Sistemi. L’amministrazione comunale montevarchina sarà la prima a sperimentare questo tipo di progettualità che vedrà gli stessi cassonetti, grazie alla tecnologia di cui verranno dotati, fornire tutte le informazioni necessarie sulla loro manutenzione, il livello dei rifiuti e soprattutto un quadro specifico dei conferimenti effettuati, migliorando così ulteriormente la raccolta. «Abbiamo avuto l’opportunità di sperimentare per la prima volta questa nuova tecnologia – commenta il sindaco di Montevarchi, Silvia Chiassai – che consentirà ai cittadini di capire il livello di differenziata prodotto, con l’obiettivo di adottare un sistema che premi i più virtuosi come quello già attivo con il conferimento diretto al centro raccolta. Il Comune ha fatto un balzo in avanti nella differenziata, dal 60% ci proponiamo di arrivare almeno al 65% previsto dalle normative europee». Saranno 165 i contenitori che verranno sostituiti da Sei Toscana, tutte postazione di grande volumetria ad accesso controllato costituiti in acciaio e plastica riciclata. Cassonetti «più performanti» come li ha definiti Giuseppe Tabani, direttore tecnico di Sei Toscana, senza tariffe aggiuntive per le tasche dei cittadini mentre le vecchie tipologie di postazione saranno riutilizzate in altre aree dove è previsto quel tipo di servizio. «È un processo importante e con il nuovo servizio nell’arco di questo e del prossimo anno riteniamo di raggiungere il 65 e poi il 70% di differenziata». Parola chiave di questo percorso è «consapevolezza», quella che ogni cittadino deve avere: il gesto di ognuno consentirà di raggiungere i traguardi prefissati e in questo senso la tecnologia fornirà un importante supporto. «Attualmente sul territorio il livello di indifferenziato è sulle 6mila tonnellate di rifiuti, l’obiettivo è scendere sotto le 4 mila – prosegue Tabani – Con i nuovi contenitori ad accesso controllato con tessera e prossimamente anche tramite smartphone vogliamo raggiungere un sistema integrato che consenta al cittadino di gettare i rifiuti con logiche ecosostenibili». Un progetto ampiamente condiviso dalla Zucchetti Centro Sistemi come sottolineato dal presidente Fabrizio Bernini: «Come azienda negli ultimi due anni abbiamo investito molto sul concetto di ecosostenibilità, in questo caso specifico abbiamo messo a punto un sistema in cui ogni cassonetto, collegato al cloud, trasmetterà informazioni specifiche sul conferimento, sul suo stato, sull’uso e così via».

Potrebbe interessarti