La raccolta porta a porta slitta di una settimana

Follonica

Slitta di una settimana la partenza del porta a porta a Cassarello, Senzuno e Salciaina. Il nuovo metodo di raccolta dei rifiuti sarebbe dovuto iniziare lunedì 15 gennaio, così era stato detto ai residenti dei tre quartieri negli incontri promossi dall'amministrazione comunale con il supporto di Sei Toscana, gestore del servizio per il Comune di Follonica. Invece, i follonichesi che vivono nelle tre zone del golfo dovranno aspettare ancora due settimane prima di iniziare a dividere puntualmente la loro spazzatura.«L'avvio del porta a porta è stato fissato per lunedì 22 gennaio - spiega l'assessora all'Ambiente Mirjam Giorgieri - il ritardo è dovuto ad alcune problematiche relative alla consegna e installazione delle isole ecologiche nei condomini in cui sarà quello il sistema di raccolta. In questi giorni di festa alcuni amministratori non sono riusciti a riunire i condomini per spiegare loro la nuova modalità a causa delle feste, quindi dal 15 passeremo al 22 gennaio».La rivoluzione coinvolgerà appunto tre quartieri tra cui uno, Cassarello, molto popolato: le altre due zone invece hanno più residenti d'estate che d'inverno, essendo caratterizzati dalla presenza di molte seconde case destinate ad accogliere i bagnanti nei mesi caldi. «Abbiamo deciso insieme a Sei Toscana - continua Giorgieri - che il passaggio degli operatori nei rioni dove scatterà dal 22 gennaio il porta a porta sarà fatto di mattina, assieme alla zona del Centro dove è già presente il servizio (l'area intorno alla chiesa di San Leopoldo). Sempre la mattina abbiamo pensato di ritirare i rifiuti anche in via Massetana e al Capannino, questo per una questione di decoro, in quell'area infatti insiste il mercato settimanale quindi il venerdì è molto trafficata e vedere i sacchi fuori dalle porte delle abitazione non sarebbe opportuno. Dopo le 12,30 il servizio di ritiro si sposterà nelle tre zone mancanti cioè San Luigi, Campi Alti e Corti Nuove. L'organizzazione è stata così fatta perché appunto questi tre ultimi quartieri sono residenziali e non hanno attività economiche». Quindi, tra due settimane, i residenti di Cassarello, Salciaina e Senzuno, così come i commercianti di quelle zone, dovranno iniziare ad abituarsi sia a dividere puntualmente i loro scarti che a posizionare i sacchi fuori dalle abitazioni o dalle attività in base al calendario consegnato insieme ai kit di raccolta.Il prossimo step sarà l'installazione di cassonetti controllati nei quartieri Pratoranieri, Zona Nuova e Centro. In quelle aree il Comune ha preferito non inserire il porta a porta ma delle calotte nelle postazioni di raccolta già presenti, dispositivi che renderanno fruibili i cassonetti solo attraverso una apposita card o con la tessera sanitaria.

Potrebbe interessarti