Adesso la Maremma fa scuola nella raccolta differenziata

Come ogni anno, la Regione Toscana ha pubblicato i dati che certificano per ogni Comune le percentuali di raccolta differenziata raggiunte. I dati pubblicati da Arrr (Agenzia Regionale Recupero Risorse) si riferiscono alle raccolte differenziate dell’anno 2021 e rilevano nel territorio dell’Ato Toscana Sud una percentuale di raccolta differenziata del 53,33% con un incremento di 3,18 punti rispetto al 2020. Il bacino in cui svolge i servizi Sei Toscana è ancora una volta il territorio che migliora maggiormente in regione, con una crescita maggiore rispetto agli altri due ambiti territoriali ottimali toscani, che registrano comunque una miglior performance generale. «Siamo soddisfatti del risultato, ma c’è ancora molto da fare. I dati confermano il trend di crescita costante per il nostro territorio, in aumento per il settimo anno consecutivo – commenta il presidente di Sei Toscana, Alessandro Fabbrini –. Un aumento, in percentuale, di quasi quindici punti negli ultimi cinque anni, che ha permesso di avvicinarsi al 55%». I dati di Arrr certificano una crescita per tutte le province servite da Sei Toscana, così come per i comuni capoluogo: Grosseto fa un balzo di oltre 11 punti, passando dal 44,30% del 2020 al 55,71% del 2021 (+11,41); Siena raggiunge il 57,82% (+7,89 rispetto al 2020) e Arezzo il 51,68% (+1%). Segno più anche per Piombino che passa dal 37,89% al 41,46%. Tra i Comuni più virtuosi ci sono quelli dell’Amiata grossetana Arcidosso (76,53% con +32,5), Castel del Piano (67,50% con +36,96) e Santa Fiora.Nel 2021 cresce la raccolta differenziata in 17 municipi, permettendo ai due terzi dei comuni della provincia grossetana di superare almeno la soglia del 50%. I Comuni più virtuosi, con oltre il 70%, sono Arcidosso (76,53% con +32,50% rispetto al 2020), Magliano in Toscana (71,55%) e Castell’Azzara (71,35%, +6%). Ottime performance, con percentuali che superano il 60%, anche per Castel del Piano (67,50%, +36,96), Follonica (64,87, +1,43%), Gavorrano (62,39%, +4,20), Massa Marittima (61,55%, +2,82), Monterotondo Marittimo (69,68%), Montieri (63,22%), Roccastrada (66,75%, +8.96), Scarlino (61,14%) e Sorano (66,22%). Il capoluogo Grosseto conferma il trend di crescita e registra un aumento record di 11,41 punti percentuale rispetto al 2020 assestandosi 55,71%.

Close Logout Cerca Facebook Instagram You Tube Twitter Linkedin