Ambiente, giovani e sostenibilità Via al ’Festival Territori d’Impresa’

Tutto pronto per la prima edizione del ’Festival Territori d’Impresa’, previsto dal 28 settembre al 2 ottobre in Valdelsa. Un ricco programma di convegni, incontri e workshop impreziositi dalla spettacolo del 30 settembre di Marco Paolini al Politeama di Poggibonsi. Una rassegna che vuole raccontare il mondo dell’impresa nel territorio senese, e valdelsano in particolare, in un momento in cui fare impresa è ancora più complicato. Al centro dell’evento. l’economica circolare, l’ambiente e i giovani, incluse le scuole. «Sarà manifestazione in cui le imprese sono protagoniste – afferma il presidente della Camera di commercio, Massimo Guasconi –. L’intero territorio ha una grande tradizione, soprattutto nel campo manifatturiero. Abbiamo la necessità di accendere un focus importante. E’ una manifestazione unica in Italia, serve per far conoscere il rapporto che c’è tra l’impresa e il territorio. Quello che sta succedendo è devastante – conclude Gusconi –, abbiamo molte imprese energivore, costrette a chiusure obbligate. La competitività viene azzerata da costi improponibili». Importante il supporto della Fondazione Mps con il presidente Carlo Rossi: «In questo territorio c’è bisogno di più imprese attraverso progetti e idee,valorizzando la sostenibilità ambiente. I giovani sono i destinatari privilegiati delle iniziative. Vogliamo continuare ad investire attraverso idee in settori strategici mantenendo come focus ambiente, giovani e sostenibilità». La Valdelsa sarà presente con tutti i suoi comuni. «La partecipazione da parte delle aziende sarà molto grande. Avremo infatti circa 130 imprese presenti – racconta il presidente del Csm Toscana (Cento Sperimentale del Mobile) Piero Pii –. Le più importanti del territorio ci saranno tutte e finanziano il Festival. L’impresa in provincia di Siena ha un ruolo sociale molto forte. Vogliamo anche aumentare l’attrattività del territorio. Abbiamo poi importanti iniziative con le scuole, ci saranno degustazioni e spettacoli». Per il dg di Confindustria Toscana Sud Antonio Capone la «situazione è drammatica, insostenibile. Non si può immaginare un’impresa che va avanti vedendo decuplicare il prezzo dell’energia, speriamo ci possano essere soluzioni».E infine: «Il messaggio di questa iniziativa è invece di positività: si guarda a un futuro in cui l’ambiente dovrà essere al centro». Presenti anche i rappresentanti di Confapi, Confartigianato, Ctq e Città del Cristallo, con la vicepresidente Miriana Bucalossi. Guido De Leo

Close Logout Cerca Facebook Instagram You Tube Twitter Linkedin