Sei Toscana potenzia i servizi di raccolta differenziata sul territorio

Sei Toscana potenzia i servizi di raccolta differenziata sul territorio

Prosegue il lavoro di Sei Toscana, in collaborazione con le Amministrazioni comunali e ATO Toscana Sud, per potenziare e migliorare i servizi di raccolta nel territorio con l’obiettivo di aumentare quantità e qualità delle raccolte differenziate.  A Scarlino, l’Amministrazione comunale, in collaborazione con Sei Toscana, avvia la riorganizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti nella zona costiera. Le aree del Puntone e Pian d’Alma non avranno più le postazioni aperte ma i contenitori ad accesso controllato. E’ in corso la sostituzione dei cassonetti che per adesso saranno ancora a libero accesso per permettere ai cittadini di abituarsi al cambiamento: per aprire il bidone basterà premere un tasto. Nei prossimi mesi, dopo il primo periodo di sperimentazione, il Comune di Scarlino e Sei Toscana provvederanno alla consegna delle tessere associate a ogni utenza Tari delle zone interessate: i cittadini dovranno utilizzare la card per aprire le postazioni e conferire in modo opportuno i loro rifiuti. Questo consentirà, quando il nuovo sistema sarà a pieno regime, di introdurre un sistema tributario puntuale legato all’effettiva produzione dei rifiuti e al reale impegno nella differenziazione dei materiali. Le postazioni interessate al Puntone sono alla Corte dei Tusci (via delle Collacchie), al Puntone vecchio, sul lungomare Garibaldi, in via della Dogana, nel parcheggio del porto turistico, a Portiglioni (tre postazioni), in via Poggio Spedaletto (tre postazioni) e in via Donatori del sangue (due postazioni). A Pian d’Alma le postazioni si trovano al distributore e nella strada di Val Molina. Ognuna ha cinque contenitori ad accesso controllato per la raccolta di carta e cartone (coperchio blu), per il vetro (campana di colore verde), per il multimateriale (imballaggi in plastica, alluminio e tetrapak – coperchio giallo), per l’organico (coperchio marrone) e per l’indifferenziato (contenitore con calotta volumetrica). A Monteriggioni continua la sostituzione dei cassonetti, al termine della quale tutte le postazioni saranno ad accesso controllato e sarà necessario utilizzare la 6Card per l’apertura dei contenitori. Da martedì 26 gennaio i cassonetti nelle zone di Uopini e Badesse sono chiusi. Martedì 2 febbraio, inoltre, saranno chiusi i cassonetti in Strada Chiantigiana, La Ripa e Quercegrossa, zone di confine tra i Comuni di Castelnuovo Berardenga e Monteriggioni, dove gli utenti potranno conferire i rifiuti, attraverso la 6Card che hanno ricevuto per posta, sia nei cassonetti sul lato del proprio Comune di residenza che in quelli del Comune limitrofo. La collocazione dei cassonetti esclusivamente ad accesso controllato sul territorio comunale di Monteriggioni proseguirà nelle prossime settimane con l’intervento in località Santa Colomba da parte del gestore della raccolta dei rifiuti, Sei Toscana, che ha sostituito tutte le postazioni a partire dallo scorso novembre.