Lunga vita alla plastica riciclata: rinnovato l’Accordo per il riciclo delle plastiche eterogenee provenienti dalle raccolte differenziate della Toscana

Con Delibera 347 del 30 marzo, pubblicata sul BURT l’8 aprile, la Regione Toscana ha rinnovato l’accordo territoriale, sottoscritto nel 2014, tra la Regione stessa, Corepla (Consorzio nazionale per il riciclo della plastica) Revet spa, Revet Recycling srl, Anci e Anci Toscana, per il miglioramento e l’incremento dei riciclo degli imballaggi in plastica mista. Un atto formale che va a sancire quanto già definito nell’Accordo territoriale tra le parti principalmente interessate, Revet Recycling e Corepla, di proseguire nel reciproco impegno teso al riciclo delle plastiche eterogenee (plasmix) provenienti dalle raccolte differenziate della Toscana, effettuate nelle province di Arezzo, Grosseto e Siena dal gestore unico dei rifiuti SEI Toscana. Nell’Accordo territoriale siglato a giugno 2014 si prevedeva in particolare che Corepla e Revet Recycling si impegnavano a stipulare “un contratto di riciclo avente ad oggetto la fornitura e il riciclo del plasmix, con una durata iniziale sino al 31/12/2014 e con reciproco impegno a proseguire nel rapporto contrattuale per il successivo biennio” e di conseguenza tutte le parti firmatarie dell’accordo territoriale si sarebbero impegnate a prolungare l’accordo per lo stesso periodo temporale. L’obiettivo comune è infatti quello di promuovere e incrementare la filiera industriale toscana di selezione, riciclo e granulazione delle plastiche miste raccolte e selezionate negli impianti del sistema Revet, che vengono poi avviate a riciclo nell’impianto di granulazione di Revet Recycling. In questo impianto di Pontedera con il plasmix viene prodotto un granulo adatto alla stampa ad iniezione o a soffiaggio con cui è possibile realizzare qualsiasi manufatto plastico di “seconda vita”. Il progetto – che è stato avviato nel 2010 dalla Regione Toscana con una fase di ricerca e di sperimentazione sul plasmix e che ha portato nell’agosto del 2013 ad avviare l’impianto di Revet Recycling – è ormai preso ad esempio di buone pratiche da replicare nel contesto nazionale. Nel convegno organizzato da Corepla e Legambiente lo scorso 1 aprile a Roma “Un cluster d’eccellenza nazionale: il riciclo della plastica” è stata infatti dedicata una sezione a “le nuove frontiere del riciclo delle frazioni plastiche ed il driver degli acquisti verdi” cui ha partecipato il presidente di Revet, Valerio Caramassi che nel suo intervento ha chiesto una maggiore attenzione a tutta la filiera, perché la raccolta differenziata è solo uno strumento – insieme alla selezione industriale – per raggiungere l’obbiettivo vero che è il riciclo.