Raccolta differenziata: continua il trend di crescita. Nel 2021 i comuni dell’Ato Toscana Sud registrano il maggior aumento della regione

Raccolta differenziata: continua il trend di crescita. Nel 2021 i comuni dell’Ato Toscana Sud registrano il maggior aumento della regione

Come ogni anno, la Regione Toscana ha pubblicato i dati che certificano per ogni Comune le percentuali di raccolta differenziata raggiunte. I dati pubblicati da ARRR (Agenzia Regionale Recupero Risorse) si riferiscono alle raccolte differenziate dell’anno 2021 e rilevano nel territorio dell’Ato Toscana Sud una percentuale di raccolta differenziata del 53,33% con un incremento di 3,18 punti rispetto al 2020. Il bacino in cui svolge i servizi Sei Toscana è ancora una volta il territorio che migliora maggiormente in regione, con una crescita maggiore rispetto agli altri due ambiti territoriali ottimali toscani che registrano comunque una miglior performance generale. In Toscana, nel 2021, sono state prodotte 3,676 milioni di tonnellate di rifiuti urbani, con una produzione media pro capite di 599 kg per abitante (+15 kg/abitante rispetto al 2020). La percentuale media di RD regionale si attesta poco sopra al 64,18% (era al 62,14 nel 2020%). “Siamo soddisfatti del risultato, ma c’è ancora molto da fare per recuperare il gap storico con gli altri due Ato regionali. I dati confermano il trend di crescita costante per il nostro territorio, in aumento per il settimo anno consecutivo – commenta il presidente di Sei Toscana, Alessandro Fabbrini –. Un aumento, in percentuale, di quasi quindici punti negli ultimi cinque anni, che ha permesso di avvicinarsi al 55%. È necessario però concentrarsi non solo e non tanto sulla quantità, ma sulla qualità. Solo una buona raccolta differenziata, una raccolta differenziata di qualità apre la strada al riciclo, ed è proprio al massimo riciclo possibile dei materiali che dobbiamo mirare. In questo modo la differenziata potrà contribuire davvero ad avere un risparmio di materie prime e di energia, riducendo le emissioni inquinanti e tutelando così l’ambiente”. I dati di ARRR certificano una crescita per tutte le province servite da Sei Toscana, così come per i comuni capoluogo: Grosseto fa un balzo di oltre 11 punti, passando dal 44,30% del 2020 al 55,71% del 2021 (+11,41); Siena raggiunge il 57,82% (+7,89 rispetto al 2020) e Arezzo il 51,68% (+1%). Segno più anche per Piombino che passa dal 37,89% al 41,46%. In totale, sono 29 i Comuni dell’Ato Toscana Sud che nel 2021 hanno superato il 65% di raccolta differenziata. Il comune più virtuoso è Radicofani che arriva all’83,84%, con un aumento del 31,35% rispetto al 2020. Oltre al comune senese, fanno registrare un incremento di più di 20 punti percentuali rispetto al 2020 anche Foiano della Chiana (61,49% con + 22,65); i comuni dell’Amiata grossetana Arcidosso (76,53% con +32,5), Castel del Piano (67,50% con +36,96) e Santa Fiora (48,28% con +22,63); San Casciano dei Bagni (68,70% con +35,78). “I dati dimostrano che, fra le zone che registrano una maggiore crescita, ci sono quei comuni dove le amministrazioni locali e Sei Toscana hanno dato vita, negli ultimi tempi, a una profonda riorganizzazione dei servizi – prosegue Fabbrini – con l’introduzione di sistemi di raccolta ad accesso controllato. Seguendo le linee guida del nostro nuovo piano industriali stiamo proseguendo il lavoro in modo progressivo nell’intero ambito e contiamo di superare il 70% di differenziata nei prossimi cinque anni”.

Close Logout Cerca Facebook Instagram You Tube Twitter Linkedin