Il Comune di Castiglione della Pescaia dice stop all’amianto

Al via al progetto “Stop Amianto” che sarà attuato da Sei Toscana: i cittadini possono rimuovere in autonomia l’amianto in modo veloce e sicuro. Ecco le linee guida per richiedere il servizio

Il Comune di Castiglione della Pescaia dice stop all’amianto
Castiglione Della Pescaia

Il Comune di Castiglione della Pescaia avvia il progetto ‘Stop Amianto’. Il nuovo servizio, che sarà realizzato da Sei Toscana, darà ai cittadini castiglionesi la possibilità di contribuire al benessere collettivo e al decoro della città in modo semplice ed economico, potendo rimuovere in autonomia l’amianto presente negli ambiti di pertinenza delle abitazioni o dei locali di altro genere.

Il cittadino sarà impegnato in prima persona nello smaltimento del materiale con un kit per l’auto-rimozione fornito da Sei Toscana contenente tutti i dispositivi di protezione individuale e i materiali idonei per l’imballaggio dei manufatti da rimuovere. Con il kit sarà fornito anche un manuale con tutte le istruzioni per l’uso che dovranno essere seguite in maniera puntuale.

In base alle modalità preventivamente condivise fra l’Amministrazione comunale e Sei Toscana, i cittadini di Castiglione della Pescaia possono fare richiesta del servizio entro il prossimo 15 ottobre compilando il modulo, presente anche sulla homepage del sito istituzionale www.comune.castiglionedellapescaia.gr.it e inviare la domanda, preferibilmente tramite Pec, all’indirizzo comune.castiglione.pescaia@legalmail.it. In alternativa è possibile recapitare la richiesta a mano, o mediante servizio postale, al protocollo dell’Ente.

Il kit per l’auto rimozione può essere richiesto per le seguenti tipologie di materiale e quantità massime: pannelli, lastre piane e ondulate, per una superficie massima complessiva di 30 mq; serbatoi, vasche e contenitori con una capacità massima di 500 lt; altri manufatti, come canne fumarie e cappe di massimo 300 kg.

Il servizio può essere richiesto per un massimo di tre volte nel corso dell’anno solare. I manufatti possono essere rimossi dal proprietario dell’unità abitativa o dagli altri componenti del nucleo familiare. Entro 10 giorni il Comune, verificata l’iscrizione e la regolarità dei pagamenti della Tari, trasmetterà la domanda a Sei Toscana che, entro i successivi 15 giorni, verificherà la fattibilità tecnica dell’intervento. In caso di esito positivo convocherà il richiedente presso il centro di raccolta di via dei Drappieri a Castiglione, dove gli verrà consegnato il kit amianto e un opuscolo che riporta in forma chiara e sintetica la procedura da seguire. Il Comune si farà carico dell’acquisto del kit amianto, delle spese per la notifica alla Asl e il trasporto dei rifiuti fino a un idoneo impianto di smaltimento, mentre a carico del cittadino rimarranno i costi di smaltimento che saranno richiesti direttamente dal Gestore.

È disponibile un video tutorial dove sono spiegate in modo dettagliato e completo tutte le procedure da rispettare per le operazioni di rimozione in piena sicurezza.

Per ulteriori informazioni: 0564927144.

Potrebbe interessarti