Concluse le operazioni di sanificazione e igienizzazione delle sedi di società delle Contrade di Siena

Le operazioni di Sei Toscana si sono svolte nelle sedi di tutte e 17 le contrade della città del Palio

Concluse le operazioni di sanificazione e igienizzazione delle sedi di società delle Contrade di Siena
Siena

Si sono concluse oggi le operazioni di sanificazione e igienizzazione di tutte le sedi di società delle contrade di Siena.

Il servizio, propedeutico alla prossima riapertura al pubblico delle strutture, è stato svolto da Sei Toscana in accordo e su richiesta delle diciassette “consorelle” e rientra fra gli interventi straordinari messi in campo per il contrasto della diffusione del Covid-19.

Le operazioni si sono svolte su tre giorni e hanno visto all’opera 2 squadre con 4 operatori qualificati dotati di tutta la strumentazione necessaria per effettuare interventi di questo tipo: tute antibatteriche, guanti, mascherine, occhiali e attrezzatura capace di sanificare i locali con prodotti certificati in base a quanto previsto dalla normativa europea UNI EN 13697 e rispondenti alle recenti linee guida e documenti di indirizzo emanati dagli Istituti nazionali preposti. Il 3 giugno i lavori hanno interessato le sedi di società di Bruco, Lupa, Istrice, Drago, Civetta e Giraffa. Ieri, 4 giugno, è stata a volta di Leocorno, Nicchio, Montone, Torre, Onda e Tartuca. Operazioni concluse oggi con la sanificazione dei locali di Aquila, Chiocciola, Oca, Pantera e Selva.

“Questo intervento rappresenta per noi un motivo di orgoglio – commenta il direttore tecnico di Sei Toscana, Giuseppe Tabani – ed è un’ulteriore conferma del rapporto che si è instaurato fra Sei Toscana e le Contrade. Una collaborazione, visto il ruolo e l’importanza che le Contrade ricoprono qui a Siena, fondamentale e che proseguirà in futuro interessando altre specifiche azioni legate al servizio che la società svolge in città. Siamo felici di aver contribuito, nel nostro piccolo, alla prossima riapertura di queste strutture che significano ‘casa’ per tutti i contradaioli”.

Oggi, a seguire le operazioni, erano presenti anche Francesco Cillerai, governatore della Nobil Contrada dell’Oca e Laura Vannini, presidente della Società l'Alba della Nobil Contrada del Bruco e coordinatore dei presidenti di Società.

“Purtroppo questo spiacevole periodo ci ha coinvolti tutti e giustamente le società di contrada hanno risposto in maniera rispettosa alla richiesta di chiusura totale dei propri locali – dice il coordinatore dei presidenti di Società Laura Vannini –. Siamo però felici che sia arrivato il momento della riapertura e siamo oltremodo contenti di farlo in sicurezza avendo affidato alla cura di Sei Toscana l’intervento di sanificazione condiviso e adottato da tutte le 17 contrade. È un piacere interagire con questa azienda con cui già lo scorso anno avevamo collaborato per l'iniziativa del plastic free”.

“Dopo tre mesi esatti dalla chiusura – afferma Francesco Cillerai, governatore della Nobil Contrada dell’Oca – finalmente i nostri contradaioli potranno riappropriarsi, se pur con le dovute cautele previste dal protocollo, di quei luoghi che per tutti noi rappresentano la seconda casa. L’importante è partire con il piede giusto anche in termini di sicurezza e per far questo ci siamo avvalsi della professionalità e della collaborazione di Sei Toscana. Per questo desidero ringraziare a nome di tutte le Contrade il Dr Giuseppe Tabani e Carlo Becatti per l’impegno e la vicinanza dimostrata nel tempo nei confronti delle Contrade. Un rapporto di collaborazione che nasce da lunga data e spero che continuerà a generare quelle sinergie indispensabili per un proficuo lavoro di entrambe”.

Potrebbe interessarti