«Siete per tutti un esempio di responsabilità e senso dello Stato» Sei Toscana ringrazia i dipendenti «Grande senso del dovere»

«In questo momento così carico di preoccupazioni per le nostre famiglie e per la salute dei nostri cari, ci rivolgiamo a voi per ribadire la vicinanza dell'azienda», hanno scritto Leonardo Masi, presidente di Sei Toscana, e Marco Mairaghi, amministratore delegato in una lettera ai dipendenti dell'azienda. «Sono settimane dure - scrivono i manager - fra le più difficili dal dopoguerra a oggi, che hanno modificato in modo significativo le nostre vite. Non vogliamo e non dobbiamo però abbandonarci allo sconforto. Vogliamo e dobbiamo reagire a questo virus e vogliamo farlo uniti. Sei Toscana sta facendo quello che è nelle sue possibilità per conciliare le necessità di un servizio indispensabile con le esigenze di tutte le lavoratrici, dei lavoratori e continueremo a muoverci in questa direzione. Come il personale della sanità, delle forze dell'ordine e delle altre categorie che non possono fermarsi, i lavoratori di Sei Toscana sono un esempio di responsabilità e senso dello Stato. Il nostro compito è garantire una corretta igiene ambientale, la nostra parte la stiamo facendo con impegno e competenza, ogni giorno. E la stiamo facendo bene grazie a tutti voi. Lo pensiamo noi e lo pensano anche i cittadini. Non sono pochi i biglietti che sono stati affissi ai cassonetti in questi giorni per ringraziare gli operatori ecologici. Per noi valgono più di tante indagini di mercato. Vogliamo esprimere a ciascuno di voi il nostro personale apprezzamento e mettere in evidenza l'impegno quotidiano, il senso del dovere con cui affrontate il lavoro. Vi scriviamo per dirvi grazie. Grazie perché nessuno si è tirato indietro e con coraggio avete continuato a fare il vostro lavoro. Un pensiero particolare e caloroso alle donne e agli uomini di Sei Toscana, nonché delle cooperative collegate, che sono dedicati ai servizi sul territorio e che quindi più da vicino vivono le difficoltà del momento senza farsi scoraggiare. Grazie davvero. Fin dal primo momento la direzione aziendale ha deciso di condividere con le Rsu e le organizzazioni sindacali i provvedimenti da adottare perché tutti partecipino. Siamo convinti che, nel corso del 2020, Sei Toscana ritroverà completamente la sua normalità con un rafforzamento della direzione aziendale, evoluzioni nella compagine dei soci, un management che si rinnova, e intese sindacali».