Premio Galileo 2018, vince Mancuso con la rivoluzione delle piante

Premio Galileo per la letteratura scientifica di Padova, il vincitore è con 37 voti Stefano Mancuso (scienziato di prestigio mondiale e professore dell’Università di Firenze). A seguire Anna Meldolesi con 20 voti, Gabriella Greison con 17 voti, Marco Malvaldi con 15 voti, Piero Martin e Alessandra Viola con 13 voti. La presidente della giuria Sandra Savaglio, astrofisica tra le più note al mondo, ha ribadito: «La letteratura scientifica non è cultura di serie B». In un’affollatissima Aula Magna del Palazzo Bo di Padova, la cerimonia di assegnazione del Premio Galileo 2018. I cinque finalisti erano Stefano Mancuso, con «Plant Revolution. Le piante hanno già inventato il nostro futuro» (Giunti, 2017), Anna Meldolesi, con «E l’uomo creò l’uomo. Crispr e la rivoluzione dell’editing genomico» (Bollati Boringhieri, 2017), Marco Malvaldi, con «L’architetto dell’invisibile. Ovvero come pensa un chimico» (Raffaello Cortina Editore, 2017), Gabriella Greison, con «Sei donne che hanno cambiato il mondo. Le grandi scienziate della fisica del XX secolo» (Bollati Boringhieri, 2017) e la coppia d’autori Piero Martin e Alessandra Viola, con «Trash. Tutto quello che dovreste sapere sui rifiuti» (Codice Edizioni, 2017). Il Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica è stato assegnato a Stefano Mancuso, che ha ottenuto la maggioranza di voti dalla giuria popolare, composta da 100 giovani studenti provenienti da tutte le università italiane e 10 classi delle scuole medie superiori di Padova e Rovigo. La Giuria Scientifica, presieduta dall’astrofisica dell’Università della Calabria Sandra Savaglio e composta da Marco Cattaneo, direttore di Le Scienze, Mind. Mente&Cervello e National Geographic Italia, Massimo Cerofolini, giornalista, ideatore e conduttore di Eta Beta su Rai Radio 1, Fabrizio Dughiero, prorettore al trasferimento tecnologico ed ai rapporti con le imprese, Università degli Studi di Padova, Paolo Roberto Graziano, professore ordinario di Scienza Politica, Università degli Studi di Padova, Eliana Liotta, giornalista e scrittrice, autrice di best seller internazionali di divulgazione scientifica, Margherita Losacco, professore di Filologia classica, Università degli Studi di Padova, Antonio Nicolò, professore ordinario di Economia Politica, Università degli Studi di Padova, Nicla Panciera, giornalista scientifica, firma di La Stampa e di periodici come Mind. Mente&Cervello, Telmo Pievani, delegato per il progetto comunicazione istituzionale, Università degli Studi di Padova, Federico Taddia, giornalista e storyteller, autore di libri e spettacoli di divulgazione scientifica per bambini e ragazzi.