Abbandono dei rifiuti arrivano telecamere nei punti più critici

San Giovanni Valdarno

Per combattere la piaga dell'abbandono dei rifiuti a San Giovanni arrivano telecamere fisse da piazzare un punti strategici. L'amministrazione ha partecipato al bando regionale relativo alla realizzazione di progetti per l'installazione, l'implementazione e l'adeguamento dei sistemi di videosorveglianza con il quale vengono messi a bando complessivamente 477 mila euro, utili per sostenere politiche locali in materia di sicurezza urbana. In base ai requisiti posseduti, la città del Marzocco può concorrere alla soglia di 25 mila euro di finanziamento, a patto che l'importo cofinanziato sia almeno il 30% dell'importo totale. La decisione di implementare la strumentazione tecnologica con due nuovi occhi elettronici che serviranno a combattere il fenomeno dell'abbandono di rifiuti prende le mosse dalla consapevolezza che si tratta di eventi, non solo a San Giovanni ma un po' dappertutto, abbastanza diffuso legato alla cattive abitudini dei cittadini, nonostante la possibilità di potere, contattando il numero verde di Sei Toscana, prenotare il servizio di ritiro domiciliare. Per combattere questa piaga si era fatto ricorso a una telecamera mobile che, girando sempre fra le zone dove i fenomeni di abbandono di ingombranti o rifiuti speciali erano più frequenti, aveva permesso in alcuni casi di scoprire i responsabili. Adesso con telecamere fisse dotate di un sistema che permette di individuare non solo le persone, ma anche le targhe dei mezzi dai quali vengono abbandonati sacchetti e rifiuti di ogni genere e di ricevere in tempo reale tramite mail le immagini per i responsabili non ci sarà scampo. Già dal 2004 l'amministrazione comunale intraprese un percorso sperimentale di controllo tramite la videosorveglianza di alcune zone ritenute più "sensibili" del centro cittadino, utilizzando in un primo tempo tre telecamere che coprivano parte delle due piazze centrali e corso Italia. Tre anni dopo, nel 2007, la giunta deliberò l'implementazione del sistema con altre 13 telecamere, divenute poi 24. Più recente l'installazione di due varchi lettura targhe completi alle rotatorie di Santa Andrea e della Gruccia, alle due estremità del paese con doppie telecamere di controllo targa per tutte le auto, permettendo di scoprire e sia se si tratti di mezzo rubato o non in regola con revisione o assicurazione.

Potrebbe interessarti