La differenziata sarà completata nei centri abitati a fine estate

Monte Argentario

Raccolta differenziata totale nei centri abitati, la svolta arriverà al termine della stagione estiva. Dopo le lamentele arrivate nei giorni scorsi da parte dell'assessore all'ambiente Walter Capitani, nelle quali emergeva che il servizio porta a porta nel Comune di Monte Argentario è ancora fermo al 28% circa, arrivano le risposte da parte del Sei Toscana. L'azienda, in stretta collaborazione con Comune e Autorità di ambito, è a lavoro per implementare e migliorare i servizi in essere nel comune di Monte Argentario. Nelle prossime settimane è prevista l'integrazione al Pse (piano dei servizi esecutivo) 2018 che preveda l'estensione e il completamento del servizio di raccolta porta a porta in tutti i centri abitati del territorio comunale, zone di Porto Santo Stefano, Porto Ercole e Pozzarello, con l'esclusione delle zone periferiche e di campagna, che saranno servite tramite una raccolta differenziata di prossimità (bidoni di diverso colore a seconda della diversa tipologia di rifiuto da intercettare). Ad oggi sono circa 4mila le utenze, domestiche (privati cittadini) e non domestiche (attività commerciali), servite dal porta a porta, che aumenteranno in modo significativo grazie all'estensione del servizio che è prevista dopo la fine della stagione balneare, per non creare disagi e problemi legati alla massiccia affluenza di turisti nel territorio nei mesi estivi. Sarà attivata già a partire da aprile una riorganizzazione del servizio di raccolta differenziata alle attività commerciali dei centri storici e lungo il porto di Porto Santo Stefano e Porto Ercole, che prevede un aumento delle frequenze dei ritiri per un servizio ancora più puntuale. Altre importanti novità riguardano il centro di raccolta che dovrebbe sorgere a Terrarossa: il gestore ha già provveduto alla consegna del progetto esecutivo dei lavori (e relative integrazioni) inviate e condivise sia con il Comune che con l'autorità di ambito. Sei è pronta alla sottoscrizione del contratto specifico di realizzazione lavori, come previsto dalla concessione in essere e dalla delibera assembleare di Ato 17 del 15 novembre 2017 che dovrebbe avvenire intorno a marzo e permetterà l'avvio delle opere.

Potrebbe interessarti