Al Puntone e a Pian D'Alma nuove postazioni

Scarlino

L'Amministrazione comunale di Scarlino, in collaborazione con Sei Toscana, avvia la riorganizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti nella zona costiera. Il Puntone e Pian d'Alma non avranno più le postazioni aperte ma i contenitori ad accesso controllato. Da oggi inizierà la sostituzione dei cassonetti che per adesso saranno ancora a libero accesso per permettere ai cittadini di abituarsi al cambiamento: per aprire il bidone basterà premere un tasto. Nei prossimi mesi, dopo il primo periodo di sperimentazione, il Comune e Sei Toscana consegneranno le tessere associate a ogni contribuente Tari delle zone interessate: i cittadini dovranno utilizzare la card per aprire le postazioni e gettare i loro rifiuti. Questo consentirà, quando il sistema sarà a pieno regime, di introdurre un sistema tributario puntuale legato all'effettiva produzione dei rifiuti e al reale impegno nella differenziazione dei materiali. Le postazioni interessate al Puntone sono alla Corte dei Tusci (via delle Collacchie), al Puntone vecchio, sul lungomare Garibaldi, in via della Dogana, nel parcheggio del porto turistico, a Portiglioni (tre postazioni), in via Poggio Spedaletto (tre postazioni) e in via Donatori del sangue (due postazioni). A Pian d'Alma le postazioni si trovano al distributore e nella strada di Val Molina. Ognuna ha cinque contenitori ad accesso controllato per la raccolta di carta e cartone (coperchio blu), per il vetro (campana di colore verde), per il multimateriale (imballaggi in plastica, alluminio e tetrapak - coperchio giallo), per l'organico (coperchio marrone) e per l'indifferenziato (contenitore con calotta volumetrica). «La sostituzione dei cassonetti - spiega la sindaca Francesca Travison - è il primo passo verso la riorganizzazione del servizio: con questa ulteriore modifica completiamo la raccolta differenziata in tutto il comune. Dividere i rifiuti è un atto civico di fondamentale importanza». Spesso accanto ai cassonetti ancora aperti nelle zone del Puntone e di Pian d'Alma i rifiuti - anche di grandi dimensioni - vengono lasciati fuori dalle postazioni. «È un comportamento non solo scorretto ma anche profondamente incivile - dice il vicesindaco Luciano Giulianelli - È un danno per tutta la comunità anche a livello economico: ogni volta che accadono episodi simili il gestore deve fare un intervento ulteriore che ha un costo». Per i rifiuti ingombranti è a disposizione dei cittadini il servizio di ritiro gratuito a domicilio (prenotazione al numero verde 800127484 o via email scrivendo a ingombranti@seitoscana. it) e il centro di raccolta de La Pieve (aperto il martedì e il sabato dalle 8 alle 13). Per maggiori informazioni: www. seitoscana. it o il numero verde 800127484. 

Potrebbe interessarti