Rifiuti, la differenziata supera il 50%

Sansepolcro

Raccolta differenziata dei rifiuti a Sansepolcro che di fatto per la prima volta ha superato il 50%, ma altre sono le interessanti novità in termini di ambiente: delega che a Palazzo delle Laudi è ricaduta sulla figura del consigliere di maggioranza, Alessandro Bandini. Ma quanti altri margini di miglioramento vi sono? “Il dato, frutto in gran parte del lavoro svolto dagli uffici durante l’amministrazione Cornioli e da questa amministrazione negli ultimi mesi – sottolinea lo stesso Alessandro Bandini - va sicuramente accolto con soddisfazione. È evidente che non ci accontentiamo, occorre incrementare la percentuale della raccolta differenziata attraverso una continua campagna di sensibilizzazione al comportamento virtuoso da parte del cittadino e attraverso le attività di controllo sul territorio, sulle quali abbiamo scelto di puntare in maniera decisa. Non dobbiamo infatti dimenticare che l’incremento della percentuale di raccolta differenziata è un dato significativo sia per la tutela dell’ambiente nel quale viviamo, sia per favorire lo sviluppo dell’economia circolare”. E sono diversi, quindi, i filoni su cui l’ufficio ambiente insieme al consigliere delegato Bandini stanno lavorando. Cosa vi attendete dal piano industriale di Sei Toscana per ciò che riguarda la Tari? “Innanzitutto – pro-segue lo stesso Bandini - è un dato molto importante l’adozione  da parte di Sei Toscana di un piano industriale dopo anni in cui non ve ne era stata traccia. Probabilmente, l’ingresso di nuovi soci all’interno della compagine del gestore, ha una volta per tutte accelerato i tempi. La riorganizzazione del servizio proposta dal gestore, che entrerà a regime presumibilmente nel 2025-2026, oltre a costituire un importante contributo al decoro urbano, punta ad un miglioramento della qualità del servizio di raccolta, in parte anche con l’ausilio dei fondi stanziati dal Pnrr, con un’auspicabile ricaduta favorevole per le amministrazioni interessate. Va sottolineato che in sede di approvazione della proposta di riorganizzazione del servizio, anche grazie al nostro impegno in qualità di coordinatori dell’area ottimale di raccolta (Aor) Valtiberina, abbiamo ottenuto che in sede di esecuzione, le amministrazioni contribuiscano alle scelte operative più adatte alle diverse caratteristiche dei territori al fine di ottenere un servizio più efficace, con un costo per i cittadini che sia – sì - adeguato al servizio, ma sostenibile ed il più possibile rispondente al reale conferimento effettuato”. E sempre sul filone ‘ambiente’ e quindi la conseguente delega ricoperta a Palazzo delle Laudi da Alessandro Bandini c’è negli ultimi giorni la pulizia delle strade del centro storico con l’idropulitrice, soprattutto quelle più colpite dal guano dei piccioni; al tempo stesso, invece, l’installazione di nuovi dissuasori per volatili nei palazzi comunali che, in molti, ne risultavano ancora sprovvisti. 

Potrebbe interessarti

Close Logout Cerca Facebook Instagram You Tube Twitter Linkedin