Cittadini-spazzini ripuliscono Castelsecco Dai water alle bottiglie: 40 sacchi di rifiuti

Arezzo

Volontari ripuliscono il parco archeologico di Castelsecco dall`immondizia. E` una montagna di rifiuti quella raccolta tra l`antica area dove nel tempo si è stratificata la cattiva abitudine di abbandonare i rifiuti. A tornare alla luce, grazie al senso civico di una trentina di aretini, è stato il decoro. Tra la vegetazione e i sentieri rastrellati addirittura water. C`era di tutto ai piedi dell`antico insediamento etrusco: pezzi di lamiera, detriti edili, plastiche, cartacce e ferraglie ma anche bottiglie scolate di superaicolici. Non sono reperti archeologici ma il segnale evidente dell`inciviltà moderna. A fare pulizia sono stati i partecipanti all`evento pro- mosso da Ecotreldc Arezzo, un gruppo di aretini con la passione per le camminate e per il territorio. A fondare la pagina facebook è stato un aretino di 35 anni, Stefano Concialdi, che ha voluto far viaggiare sullo stesso binario il piacere di camminare con la missione di sensibilizzare i concittadini al rispetto per l`ambiente. E così la passione per le passeggiate nella natura si è trasformata in un messaggio di sensibilizzazione intorno al quale Stefano ha raccolto centinaia di aretini. Sono già oltre 500 gli iscritti alla pagina facebook "Ecotrekk Arezzo, ripuliamo camminando" con la quale ha lanciato il messaggio: "Basta lamentarsi, è ora di agire. Camminare ci piace, ma vogliamo un mondo più pulito e allora uniamo le due cose. Il nostro scopo sa- rà quello di fare attività fisica raccogliendo la sporcizia intorno a noi ". "Durante questo periodo di pandemia passeggiando per i boschi e le strade aretine" racconta Stefano Concialdi "mi sono accorto che c`è tanta sporcizia in giro. Ho quindi iniziato a raccogliere, durante le camminate, quello che trovavo a terra e mi sono accorto che il mio comportamento poteva essere un buon esempio per gli altri. Tramite i social infatti ho riscosso molti segnali positivi". C`è interesse intorno al tema del rispetto dell`ambiente e molte persone sono disponibili a mettersi in gioco per cancellare le tracce dell`inciviltà. "Ho quindi promosso" spiega Stefano "degli eventi che hanno riscosso partecipazione. Sabato mattina a Castelsecco eravamo trenta- cinque volontari. Al gruppo si sono aggiunti i volontari dell`associazione Autismo Arezzo e gli amici dell`associazione Scelgo Arezzo". In poche settimane sono già numerose le aree in cui i volontari hanno raccolto sporcizia tra cui le zone intorno al tribunale, quelle nelle vicinanze di via Anconetana e lungo il Castro. "Dal punto di vista organizzativo creo un evento nel weekend fissando la data e il luogo, anche su indicazione di concittadini che segnalano le aree da ripulire. L`adesione a Castelsecco è stata significativa e la grande mole di spazzatura raccolta è la testimonianza che c`era necessità di intervenire". I volontari hanno poi radunato oltre quaranta sacchi neri in quattro differenti punti di raccolta segnalati da Sei Toscana che provvederà a recuperare l`immondizia.

Potrebbe interessarti