Rifiuti, ecco gli ecocompattatori

Monteriggioni

PARTE da Monteriggioni la rivoluzione di Sei Toscana nella raccolta dei rifiuti, a favore della differenziata e verso la tariffazione puntuale, che riguarderà i 105 Comuni facenti parte dell’ambito Ato Toscana Sud: ieri mattina in località Castellina Scalo, a fianco della casina dell’Acqua, sono stati presentati i primi due ecocompattatori per differenziare alluminio e plastica. E il passo successivo porterà cassonetti ‘intelligenti’ su tutto il territorio comunale. All’appuntamento hanno partecipato il sindaco Raffaella Senesi e l’assessore all’ambiente Fabio Lattanzio, insieme a Paolo Diprima, direttore di Ato e Roberto Paolini, presidente di Sei Toscana. « In questi anni abbiamo lavorato con l’obiettivo primario della tariffa puntuale, rendendoci disponibili come esperienza pilota sia come Comune di Monteriggioni che come area Chianti con il sistema della raccolta stradale, che consente l’accesso ai cassonetti e agli eco compattatori in ogni momento, 24 ore su 24, durante tutto l’anno. Saremo un esempio per l’Ato Toscana Sud». LE NUOVE attrezzature, dunque, hanno un dispositivo che permette di riconoscere l’utente che conferisce il rifiuto tramite l’eco tessera 6 Card e di associare ogni conferimento all’utenza Tari, in modo da premiare i cittadini più virtuosi. Questo consentirà, come si diceva, di introdurre in seguito una tariffazione puntuale, con cui si paga per quel che ci conferisce e in base alla differenziata raccolta. La 6 Card, che può essere ritirata gratuitamente presso lo sportello Tari del Comune di Monteriggioni (ogni martedì dalle 14 alle 18), sarà associata a ciascun intestatario di utenza Tari e potrà essere utilizzata da tutti i componenti del nucleo familiare. Successivamente, la Card consentirà di accedere ad altri tipi di servizio, a partire dalla raccolta stradale con cassonetto intelligenti e dal conferimento di rifiuti nei centri di raccolta. «Si tratta di una vera e propria rivoluzione – commenta Roberto Paolini, presidente di Sei Toscana – grazie ad attrezzature ‘smart’, in grado di identificare l’utente che conferisce il rifiuto. Stiamo lavorando ogni giorno a stretto contatto con le amministrazioni comunali e Ato per cercare di mettere a disposizione dei cittadini un sistema di raccolta il più possibile efficace ed efficiente». «L’iniziativa – ha aggiunto il direttore generale di Ato, Diprima – è stata regolata dall’Ato cogliendo le idee innovative di alcuni Comuni, come Monteriggioni, in modo da cogliere appieno i vantaggi di un gestore unico del servizio rifiuti che metterà questi strumenti a disposizione dell’intero territorio con una gara unica per l’acquisto».

Potrebbe interessarti