‘Fammi Fiorire’: città e futuro Percorso con mille bottiglie

Poggibonsi

La città, il suo futuro, i rifiuti e il rapporto con l’ambiente sono tra i principali temi di un progetto molto originale. I protagonisti sono stati bambini, studenti delle scuole locali e cittadini che hanno percorso un itinerario di immagini con mille bottiglie di plastica blu che diventano fiori, memoria, relazioni, opere d’arte. Tutto questo è stato condensato in cinque pannelli di generose dimensioni esposti alle pensiline degli autobus di Piazza Mazzini a Poggibonsi. Le foto sono di Carlo Fiorentini. La città mette un punto fermo e da qui riparte per aggiungere a tutto quello che è stato fatto in passato, nuove tappe volte a sensibilizzare sulla rigenerazione dei rifiuti. Teatralmente va in scena ‘Fammi fiorire’, questo il nome del progetto che porta la firma di Donatella Bagnoli, Rocca di Staggia/Associazione Ottovolante e realizzato in collaborazione con il Comune, il sostegno di Pasquini, Imer International e Sei Toscana. «Questo percorso – spiega l’assessore all’Ambiente, Roberto Gambassi - diventa da oggi un itinerario negli spazi di Piazza Mazzini, luogo storico e della memoria. Il lavoro prosegue e passa da molteplici azioni che guardano la gestione dei rifiuti, la mobilità, l’efficientamento energetico». «Un «Teatro di vita in cinque atti» – spiega Donatella Bagnoli – che non favorisce solo la raccolta differenziata o le scelte energetiche alternative, ma si occupa di ecologia delle relazioni, di recupero di spazi a misura d’uomo partendo dai rifiuti». 

Potrebbe interessarti