Nasce a Siena Saihub il nuovo parco scientifico dell'intelligenza artificiale

Siena

Si chiama Saihub ed è il nuovo Parco Scientifico dell'intelligenza artificiale che nasce a Siena: è stato costituito con l'accordo di partenariato firmato nella sede della Fondazione Monte dei paschi, che ha stanziato 600mila euro per la sua costituzione. Il polo tecnologico-scientifico crea una realtà unica nel territorio toscano e proietta Siena verso un nuovo modello di sviluppo, sotto il segno dell'Intelligenza Artificiale, in sinergia con il già esistente parco delle Scienze della Vita. La connessione fra Intelligenza Artificiale e Scienze della Vita porterà infatti alla creazione di un centro integrato di assoluta eccellenza e innovazione e sarà la cifra distintiva del SaiHub, rispetto ad altri incubatori di imprese. La firma sull'accordo è stata posta da Fondazione Mps, Comune di Siena, Università, Fondazione Tls e Confindustria Arezzo-Siena, oltre che da Ernesto di Iorio, ceo di Questlt (che ha lanciato l'idea del progetto) e che Colonna portante Rete di 18 imprese italiane per rafforzare la biotecnologia sarà il presidente della rete SaiHub. Il progetto come detto nasce da un'idea elaborata dalla società Questlt e dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena, in collaborazione con il Comune di Siena. La Fondazione Mps, all'interno del partenariato, rappresenterà il principale partner finanziario, sostenendo lo sviluppo di progetti di ricerca inerenti all'intelligenza artificiale elaborati dalla rete di imprese con Fondazione Toscana Life Sciences e Università degli Studi di Siena. La sede sarà all'interno del parco di Tls in via Fiorentina. Il player fondamentale del progetto, è rappresentato proprio dalla rete costituita, attualmente, da diciotto imprese italiane nell'ottica di rafforzare la filiera di eccellenze biotecnologica del contesto senese, ma che guarda in prospettiva anche a molti altri settori sempre ben radicati sul territorio, quali il sanitario, l'agrifood, il turismo e la cultura e lo sviluppo di tecnologie inerenti all'economia circolare. La rete, sempre aperta a nuove adesioni per chi vuole guardare al futuro, condividendo un percorso di crescita nel settore dell'Intelligenza Artificiale, è partecipata, al momen,10 Rotist La firma to, da imprese che provengosull'accordo no da diverse parti del Paese, Nella sede della quali, Datatellers da Bolzano, Fondazione Siena Imaging, Readytec, SiMonte dei log, Sei Toscana, AchilleS Vacpaschi ha visto cines, Vismederi, Assoservizi, la luce il nuovo QuestlT, Satus, Lascaux e Zucparco scienlifioo chetti Centro Sistemi dall'Area dell'intelligenza Toscana Sud; Ergon e Terranoartificiale a cui è va da Firenze, Imola Informatistato dato il ca e SiS.Ter dalla provincia di nome di Saihub Bologna, Hopenly da Modena (foto Bruchi) e Exprivia da Bari. Un ruolo fondamentale per lo sviluppo del progetto sarà svolto anche dal Comune di Siena, ente promotore e regolatore dello sviluppo del proprio territorio, e Palazzo Sansedoni Investirà nel progetto la cifra di 600 milioni da Confindustria, con attività di servizio e supporto nella ricerca di nuove partnership.

Potrebbe interessarti